Privacy Policy
Film Screen

Trainspotting – Danny Boyle (1996) – Martedì Cinema

Scritto da giuli-et-ros

Trainspotting di Danny Boyle 1996

Quest’oggi voglio proporvi questo pezzo da novanta. Sto parlando di “Trainspotting“: assolutamente da vedere.

Potrebbe interessarvi anche questo articolo: Il trailer del tanto atteso Trainspotting 2

Un cult: Trainspotting è un film degli anni 90, ma che tratta un argomento ancora tutt’oggi attuale. Il tema della droga: in particolare nel film si parla di eroina vista da un nuovo punto di vista, inedito e inusuale.

Negli anni 90 questa nuova visione della droga fece molto scalpore, tanto da essere classificata anche come scandalosa: molti critici dell’epoca condannarono drasticamente il messaggio. Il film non si pone ne dalla parte, ne contro l’eroina piuttosto le sue critiche sono rivolte alla società che si sta sviluppando. Una società sempre più frivola, senza più punti di riferimento e ideali, sempre più incentrata verso un consumismo sfrenato.

trainspotting-personaggi

Potrebbe interessarvi anche: Constantine (2005) di Francis Lawrence

Trainspotting il film: scena iniziale

Il film si apre con Mark (il protagonista), che inseguito da poliziotti, pronuncia le seguenti e famosissime frasi:

“Scegliete la vita; scegliete un lavoro; scegliete una carriera; scegliete la famiglia; scegliete un maxitelevisore del cazzo; scegliete lavatrici, macchine, lettori CD e apriscatole elettrici.

Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete un mutuo a interessi fissi; scegliete una prima casa; scegliete gli amici; scegliete una moda casual e le valigie in tinta; scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cazzo; scegliete il fai da te e chiedetevi chi cacchio siete la domenica mattina; scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare.

Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio ridotti a motivo di imbarazzo per gli stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi; scegliete un futuro; scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa così? Io ho scelto di non scegliere la vita: ho scelto qualcos’altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l’eroina?”

(Mark Renton / Rent-boy )

Hai già visto: Donnie Darko (2001) di Richard Kelly ?

Trainspotting Trama

Mark Renton (il protagonista, interpretato da Ewan McGregor) ha scelto “un’onesta e sincera tossicodipenda”. Con lui anche i suoi fedelissimi amici:

  • Sick Boy: un tipetto dai capelli ossigenati che ama le provocazioni;
  • Begbie: ama l’alcol, le risse e la violenza gratuita. Il tutto condito da una “sana” e “schizzofrenica” imprevedibilità;
  • Tommy: che sembra l’unico apposto. Non ama le droghe… almeno all’inizio;
  • Spud: Bè Spud… è Spud. Un ragazzo molto strano, per certi versi molto problematico. Ma sicuramente è l’unico di cui ci si puo’ fidare.

Questi personaggi sono il condimento perfetto, per una storia a tratti folle, ma che vi terrà letteralmente incollati sul divano. Come avete capito il film parla di droghe, questi quattro ne combineranno di tutti i colori per cercare di avere la loro “dose di felicità”.

Come non ricordare il tuffo nel cesso più sporco della Scozia, alla ricerca di due supposte di oppio?

Alcune scene sono surreali, ma hanno fatto la storia del cinema degli ultimi 20 anni. I quattro protagonisti vogliono fuggire dal solito, dalle lavatrici, dagli apriscatole elettrici, dai telequiz ammazza-cervello, più in generale dall’atmosfera asfissiante della Scozia, che come dice Mark: “non ha trovato neanche una cultura decente da cui farsi colonizzare”. Usano l’eroina per fuggire dalla quotidianità. I quattro non se ne rendono conto, ma soffrono terribilmente la loro condizione…il problema è che non fanno nulla per cambiarla…

fino alla svolta della loro vita…

Trainspotting il film: scena finale

Ecco la scena finale:

“Allora perché l’ho fatto? Potrei dare un milione di risposte, tutte false.
La verità è che sono cattivo, ma questo cambierà.
Io cambierò.
È l’ultima volta che faccio cose come questa. Metto la testa a posto. Vado avanti. Rigo dritto. Scelgo la vita.
Già adesso non vedo l’ora…
Diventerò esattamente come voi:
Il lavoro, la famiglia, il maxi televisore del cazzo, la lavatrice, la macchina, il cd e l’apriscatole elettrico.
Buona salute, colesterolo basso, polizza vita, mutuo, prima casa, moda casual, valigie, salotto di tre pezzi, fai da te, telequiz, schifezze nella pancia, figli a spasso nel parco, orario d’ufficio, bravo a golf, l’auto lavata, tanti maglioni, Natale in famigia, pensione privata, esenzione fiscale, tirando avanti, lontano dai guai, in attesa del giorno in cui morirai”.

(Mark Renton / Rent-boy )

Trainspotting il film: i personaggi

Ewan McGregor: Mark Renton
Robert Carlyle: Francis Begbie
Ewen Bremner: Spud (Daniel Murphy)
Jonny Lee Miller: Sick Boy (Simon Williamson)
Kevin McKidd: Tommy (Thomas MacKenzie)
Kelly Macdonald: Diane
Peter Mullan: Swanney (Johnny Swan)
James Cosmo: Mr. Renton
Eileen Nicholas: Mrs. Renton
Susan Vidler: Allison
Pauline Lynch: Lizzy
Shirley Henderson: Gail
Stuart McQuarrie: Gavin
Irvine Welsh: Mikey Forrester

Con questa perla del cinema vi lascio! un saluto dalla vostra Giuli-et-Ros

Sull'Autore

giuli-et-ros

Amo il cinema, le serie tv e i film horror. I sogni sono l'essenza della vita

Sognare è un atto di pura immaginazione, che attesta in tutti gli uomini un potere creativo, che se fosse disponibile in veglia, farebbe di ogni uomo un Dante o Shakespeare.

giuli-et-ros

Lascia un commento